Il Museo della Tonnara di Stintino presenta il nuovo allestimento

17 giugno 2016
Il Museo della Tonnara di Stintino presenta il nuovo allestimento

Apre sabato 18 giugno alle 18.30 il MUT, Museo della Tonnara di Stintino, un nuovo spazio espositivo che racconta la storia della Tonnara Saline, la vita dei tonnarotti, la storia di Stintino e dell'isola dell'Asinara, attraverso una serie di audiovisivi di grande suggestione.

Il video-racconto accompagna la visita al museo fin dal primo ambiente, e prosegue per tutte le sale attraverso un viaggio nel tempo: la nascita del borgo di Stintino alla fine del 1800, gli anni ‘90 del 1900, quando la tonnara era molto attiva, per giungere fino ad oggi alla riscoperta di questa preziosa risorsa della memoria locale.

I video sono affiancati alla narrazione della memoria del luogo e della storia delle tradizioni locali da alcuni reperti custoditi nel museo: attrezzi utilizzati nella tonnara, materiale documentale come diari e articoli di giornale, abiti utilizzati durante la mattanza e alcune opere di artisti sardi, che hanno voluto così omaggiare la vita e le storie della tonnara.

Il percorso espositivo, che abbiamo curato negli arredi, nelle grafiche, nelle produzioni video e multimediali, prevede un ambiente iniziale dove la gigantografia di un dipinto, realizzato da Paola Dessì e raffigurante tonni che nuotano nel blu, introduce nel mondo della tonnara. Si prosegue nel foyer dove è proiettato il trailer del museo, un racconto in prima persona da parte dei tonni, protagonisti del luogo e anima del museo, che introduce alla visita.

Una proiezione a soffitto con un passaggio di tonni in mare aperto avvia l’esposizione; nelle diverse sale applicazioni touch e video accompagnano i beni esposti consentendo approfondimenti tematici: le scoperte archeologiche sottomarine, il tonno nella letteratura, il tonno e la scienza, le rotte dei tonni, la storia delle tonnare e della tonnara Saline, la vita in tonnara, la mattanza, Stintino ed il Parco dell’Asinara.

Le musiche di accompagnamento alla visita sono di Paolo Fresu.

Nel museo sono inoltre presenti un’aula didattica e un centro documentale.

Il museo si presenta come una realtà dinamica e molto attiva sul territorio, proponendo numerosi appuntamenti a partire dalla stagione estiva come concerti, presentazioni di libri, aperitivi al museo.

Questi gli orari della stagione per la visita del museo:

  • 18-30 giugno, 1-30 settembre: tutti i giorni dalle 11 alle 13 e dalle 18 alle 21;
  • 1 luglio - 31 agosto: tutti i giorni dalle 18 alle 23, il giovedì anche dalle 11 alle 13.