Attivati i primi cantieri a Bergamo e Brescia per il progetto di arricchimento della Biblioteca Digitale Lombarda

07 febbraio 2019
Attivati i primi cantieri a Bergamo e Brescia per il progetto di arricchimento della Biblioteca Digitale Lombarda

Sono iniziate le attività di digitalizzazione nell’ambito del progetto della Regione Lombardia finalizzato allo sviluppo e arricchimento della Biblioteca Digitale Lombarda: un bando di gara che ci siamo aggiudicati con l’azienda partner Stelf srl che durerà fino al 2021 e coinvolgerà venti istituti culturali, coinvolti nel progetto grazie alle caratteristiche del loro patrimonio bibliografico, che una volta acquisito sarà reso accessibile nella Biblioteca Digitale.

La prima fase di analisi delle collezioni e dei fondi, svolta negli ultimi mesi del 2018, ha consentito di mettere a punto un piano operativo con l’elenco dei singoli oggetti da digitalizzare negli istituti, e il trattamento necessario per tutte le diverse tipologie di materiale. Si tratta di una incredibile varietà di materiale bibliografico e d’archivio di grande valore: stampe e lastre fotografiche, disegni, stampe e mappe di grandi dimensioni, manoscritti, periodici e riviste, raccolte legislative e manifesti, musica manoscritta e partiture a stampa, carte geografiche manoscritte, erbari, lettere e registri manoscritti di diverse epoche, album illustrati e cataloghi storici.

Il primo cantiere è stato allestito al Conservatorio di musica Luca Marenzio di Brescia, dove stiamo digitalizzando le edizioni musicali a stampa risalenti all’Ottocento. Tra queste il fondo Pasini, tenore bresciano, grande collezionista di musica e di cimeli risorgimentali che alla sua morte nel 1911 ha lasciato alla biblioteca materiale di musica vocale, sia romanze e arie d’opera, sulle cui copertine si leggono numerose dediche dei compositori al cantante; la collezione Brusa con musica da camera in edizioni rare e interessanti riduzioni di opere liriche, dalla fine del XVIII a tutto il XIX secolo.

Contemporaneamente sono iniziate le attività anche a Bergamo, nella Biblioteca musicale Gaetano Donizetti, dove stiamo digitalizzandocirca 300 titoli di manoscritti musicali raccolti dal violoncellista e compositore Alfredo Piatti comprendenti, tra gli altri, autografi dei maggiori musicisti del Sette e Ottocento - Mozart, Haydn, Beethoven, Schumann - e gran parte della produzione di Piatti stesso.

Le attività inizieranno presto anche a Varese, nella Biblioteca Civica, dove saranno acquisiti periodici locali.