Angelo Fortunato Formiggini, dal 28 febbraio al 30 giugno alle Gallerie Estensi la mostra temporanea

21 febbraio 2019
Angelo Fortunato Formiggini, dal 28 febbraio al 30 giugno alle Gallerie Estensi la mostra temporanea

Si apre il 28 febbraio la mostra temporanea dedicata alla vita di Angelo Fortunato Formiggini, editore ebreo modenese del quale si vogliono narrare le vicende umane e professionali legate agli eventi storici e sociali dell’inizio del secolo scorso.

Un percorso che si sviluppa in cinque sezioni tematiche che coincidono anche con una narrazione cronologica: le opere esposte e i pannelli descrittivi, affiancati da video narrazioni e dispositivi interattivi, vogliono approfondire la vita dell’editore come letterato, uomo di cultura, imprenditore intellettuale ma anche come ebreo che si trova ad affrontare drammaticamente l’ascesa del regime fascista e che subisce l’esclusione completa dalla scena culturale italiana.

Alcuni elementi multimediali si integrano nel percorso grazie a ricostruzioni scenografate di arredi o oggetti d’epoca, che attivano suggestivi contributi video, come ad esempio la videoproiezione dei materiali provenienti dall’Istituto Luce che documentano accadimenti dell’epoca.

Un ambiente immersivo, ricostruito all’interno di un corridoio angusto ed oppressivo, chiude la sezione dedicata al regime e intende riproporre le “parole in libertà” che il Formiggini tentò di rivolgere a personaggi e cittadini dopo le leggi razziali. Il racconto si chiude ricordando il drammatico epilogo, il suicidio dell’editore che si getta dalla torre della Ghirlandina.

La sezione conclusiva del percorso offre un emozionante contributo di realtà virtuale attraverso un viaggio nella “Casa del ridere”: i visitatori potranno indossare degli Oculus VR e saranno trasportati nella biblioteca del Formiggini, dove un attore che interpreta l’editore leggerà dei brani umoristici tratti dai testi che custodiva nella propria casa.

Per approfondimenti: Gallerie Estensi