Il progetto RESTORE mette a disposizione due assegni di ricerca per la valorizzazione innovativa di documenti d’archivio

23 aprile 2020
Il progetto RESTORE mette a disposizione due assegni di ricerca per la valorizzazione innovativa di documenti d’archivio

Insieme all’Istituto Opera del Vocabolario Italiano, all’Archivio di Stato di Prato, al Museo di Palazzo Pretorio di Prato ed alla Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana, siamo partner di RESTORE (smaRt accESs TO digital heRitage and mEmory), cofinanziato dalla Regione Toscana con le risorse del POR FSE 2014-2020 – Asse A Occupazione, nell’ambito di “Giovanisì”, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

Due assegni di ricerca sono rivolti a laureati in discipline dell’informatica umanistica, per valorizzazione in maniera innovativa documenti d’archivio legati alla storia di Prato. Sono richieste conoscenze in ambito archivistico e bibliotecario e nelle problematiche connesse alla costituzione di basi di conoscenza per il patrimonio culturale. Il fondo Datini e svariati altri documenti legati alla storia pratese e toscana saranno l’anima del progetto, con l’ambiziosa finalità di coinvolgere la popolazione in un percorso culturale di conoscenza e riappropriazione delle proprie origini, oltre a operare verso la scoperta del passato per costruire l’inclusione sociale nel presente.

Consulta il bando per i due assegni di ricerca e le modalità di partecipazione qui (scadenza 14/05/2020).