Inaugura a Stia Dante Multimediale

22 luglio 2021
Inaugura a Stia Dante Multimediale

In occasione delle celebrazioni del settecentenario della morte di Dante Alighieri, il Comune di Pratovecchio Stia ha realizzato un allestimento permanente all’interno del Palagio Fiorentino di Stia, dedicando al Sommo Poeta ed ai luoghi danteschi del territorio uno spazio innovativo e di approfondimento multimediale, rivolto ai turisti in visita in Casentino ed al pubblico delle scuole di diverso ordine e grado.

L’evento di inaugurazione del Centro Multimediale Dantesco si terrà domenica 25 luglio alle 18, svelando un percorso dedicato agli anni in cui Dante ha vissuto in questi luoghi, legando i siti di interesse del territorio alle sue vicende politiche e personali, e raccontandoli in chiave di riscoperta per una visita puntuale in Casentino. Nostra l’ideazione del progetto e la realizzazione delle forniture multimediali dell’allestimento.

Il percorso si apre con un’ambiente introduttivo, nel quale comprendere il senso del Centro Dantesco, comunicando perché il Poeta sia legato a questo territorio: questo racconto è affidato direttamente alla voce dell’avatar narrante di Dante, un attore che inviterà a scoprire questo luogo di racconto e l’intero territorio del Casentino, ricco di luoghi che lo hanno accolto durante i suoi anni di permanenza, ricordando il Castello di Romena, Porciano, Capodarno, il Castello di Poppi.

L’invito a scoprire i luoghi danteschi sarà realizzato grazie alla mixed reality, attraverso visori di realtà aumentata che consentono ai visitatori di accedere ad una selezione di viste immersiva a 360° dei luoghi danteschi in Casentino; località che potranno essere approfondite in una postazione interattiva con sei video che legano strettamente le narrazioni a Dante, alle sue vicende personali e ai richiami di questi luoghi nella Divina Commedia.

Una postazione didattica è dedicata alla Battaglia di Campaldino, evento importante nella storia degli scontri tra Guelfi e Ghibellini, cui ha partecipato anche Dante come “feditore” cioè cavaliere di prima fila, fronteggiando l’esercito ghibellino degli aretini: un tavolo interattivo consente di scoprirne la storia e di svelare gli schieramenti dei personaggi più illustri dell’epoca che si erano scontrati nel campo di Battaglia.

Il percorso si conclude nella terza sala con il video di Riccardo Starnotti, presidente dell’Associazione Amici di Dante in Casentino, che nei panni di Dante ripercorre un itinerario ricco di storia e cultura che dal Monte Falterona arriva al Palagio Fiorentino, passando dai castelli di Porciano e Romena.

L’allestimento è impreziosito dall’esposizione di due copie anastatiche della Divina Commedia,“Dante historiato da Federico Zuccari” e il “Manoscritto Yates-Thompson”,uno dei manoscritti miniati più belli della Commedia, da un display touch screen con i passi dedicati al Casentino nell’edizione della Divina Commedia commentata da Cristoforo Landino e da una collezione di armi medievali realizzate in occasione della Biennale d’Arte Fabbrile del 1989.

Il centro sarà aperto durante il periodo estivo dal martedì al giovedì dalle 16 alle 19, mentre dal venerdì alla domenica dalle 16 alle 19 e dalle 21 alle 23, unitamente alla mostra Dante a Confronto allestita nell’adiacente edificio della Limonaia. L’ingresso è libero.

Per info: www.comune.pratovecchiostia.ar.it